Modalità di partecipazione - Tribunale di Cosenza

Tutti, tranne il debitore, possono partecipare alle vendite immobiliari disposte nell’ambito  delle procedure esecutive ovvero fallimentari, attenendosi alle modalità di seguito indicate: 
1) le offerte di acquisto dovranno essere presentate in busta chiusa, entro le ore 12,00 del giorno non festivo antecedente la data della vendita, presso la Cancelleria Esecuzioni Immobiliari o Fallimentare del Tribunale, ovvero, in caso di vendita delegata ad un professionista, presso lo studio dello stesso professionista (ove trattasi di uno dei notai  costituiti in associazione, presso la sede dell’PRO.E.N.C, ubicata nel Palazzo di Giustizia);
2) sulla busta deve essere indicato il nome di chi deposita materialmente l’offerta (che può anche essere persona diversa dall’offerente), il nome del giudice e la data della vendita; nessuna altra indicazione - né numero o nome della procedura né il bene per cui è stata fatta l’offerta né l’ora della vendita o altro- deve essere apposta sulla busta;
3) l’offerta, corredata di una marca da bollo da Euro 14,62,  dovrà contenere le indicazioni meglio esposte nell’avviso di vendita visionabile sul sito www.tribunale.cosenza.it;
4) all’offerta dovrà essere allegata una fotocopia del documento di identità dell’offerente, nonché un assegno circolare non trasferibile intestato a “Proc. esecutiva e/o fallimentare  N….(seguito dal numero della procedura)”, per un importo pari al 10% del prezzo offerto, a titolo di cauzione;
5) in caso di più offerte valide, si procederà alla gara sulla base della offerta più alta; il bene verrà definitivamente aggiudicato a chi avrà effettuato il rilancio più alto.
6) L’immobile viene venduto libero da iscrizioni ipotecarie e da trascrizioni di pignoramenti: dette formalità saranno cancellate a spese e cura della procedura, subito dopo l’emissione del decreto di trasferimento.

NELLA VENDITA SENZA INCANTO
L’offerta presentata nella vendita senza incanto è irrevocabile. Anche in caso di  diserzione della gara da parte dell’offerente potrà essere disposta l’aggiudicazione in suo favore ove si tratti dell’offerta più alta. 
Non è possibile presentare offerte di acquisto in aumento di un quinto ex art.584 c.p.c.

NELLA VENDITA CON INCANTO
E’ ammesso il ritiro dell’offerta prima dello svolgimento della gara.  Se l’offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione è immediatamente restituita dopo la chiusura dell’incanto, salvo che lo stesso abbia omesso di partecipare al medesimo senza documentato e giustificato motivo; in tale caso la cauzione è restituita solo nella misura dei nove decimi dell’intero e la restante parte è trattenuta come somma rinveniente a tutti gli effetti dall’esecuzione. Entro il termine di dieci giorni dall’incanto potranno essere presentate offerte di acquisto ad un prezzo maggiorato di un quinto rispetto a quello di aggiudicazione; dette offerte non saranno valide se non corredate da un deposito cauzionale pari al 20% del maggior prezzo offerto.

DOVE REPERIRE ALTRE INFORMAZIONI:
a) sito internet www.tribunale.cosenza.it sul quale sono pubblicati: il testo integrale dell’ordinanza di vendita, la relazione di stima e tutti gli allegati (tra cui fotografie, planimetrie, concessioni edilizie); b) custode degli immobili pignorati e/o curatore fallimentare (reperibili ai recapiti indicati nella pubblicità relativa al singolo immobile); c) professionista delegato alle operazioni  di vendita (indicato nella pubblicità); d) cancellerie Esecuzioni Immobiliari e Fallimentare del Tribunale di Cosenza.

COME VISIONARE GLI IMMOBILI - Rivolgersi al custode giudiziario o al curatore fallimentare ovvero al professionista delegato alla vendita

MUTUI AGEVOLATI - Le banche di seguito indicate hanno comunicato la loro disponibilità a finanziare l'acquisto degli immobili posti in vendita presso il Tribunale di Cosenza,  con accensione di ipoteca sull'immobile medesimo:

BANCA INTESA, BANCA POPOLARE DI CROTONE, MICOS BANCA, BANCA DI ROMA, BANCA MONTE PASCHI DI SIENA, CREDITO COOPERATIVO MEDIOCRATI, UNICREDIT BANCA, BANCA POPOLARE DI BARI, BANCA CARIME.