Dossier della Rivista Aste Giudiziarie n. 315

  • Dossier: Quanto costa comprare casa in Italia
  • Periodo: Settembre 2011

Quanto costa comprare casa in Italia? Ecco la classifica delle città più care

Comprare casa può essere un salasso a Venezia, Roma e Milano, le città più costose secondo un’indagine Nomisma. I mutui migliori per ottenere la casa dei sogni e risparmiare

Vivere in una delle città più belle del mondo ha un prezzo. Non è certo un caso se nella classifica delle città italiane con le case più costose Venezia svetti al primo posto, seguita a breve distanza da Roma e da Milano.
L’indagine è stata condotta da Nomisma, che ha preso in considerazione la media ponderata (tra zone di pregio, centro, semicentro e periferia) per l’acquisto di un’abitazione non nuova nelle principali città italiane. Nel complesso, nel primo semestre 2011, i prezzi delle abitazioni sui 13 maggiori mercati dello Stivale sono calati dello 0,7%.
Ma vediamo in dettaglio quanto bisogna spendere per accaparrarsi una casa nelle calli veneziane, o nei pressi del Colosseo. A Venezia il prezzo di un’abitazione (considerando la media tra le diverse zone della città) è pari a 3.692 euro al metro quadro; la Città Eterna è un po’ meno cara, con 3.519 euro al metro quadro; per prendere casa dalle parti della Madonnina ci vogliono invece 3.445 euro al metro quadro. La classifica prosegue con Firenze, al quarto posto con una media ponderata pari a 2.963 euro al metro quadro, Bologna (2.498 euro) Bari (2.410 euro), Napoli (2.119 euro). Sotto i duemila euro al metro troviamo Torino (1.932 euro), Padova (1.847 euro), Genova (1.832 euro), Cagliari (1.726 euro), Palermo (1.458 euro) e Catania, che è la città più a buon mercato con una media di 1.415 euro al metro.
I mercati più dinamici, secondo i dati di Nomisma sulle performance tra il 2006 e il 2011, sono Bari, Roma e Catania; quelli più statici si incontrano a Bologna, Torino e Padova.
Con queste premesse, la scelta della residenza può diventare una questione di portafoglio: se a Venezia con 150 mila euro si riesce, nella migliore delle ipotesi, a comprare un monolocale (o un mini bilocale) di 40 metri quadri, con la stessa cifra a Catania si può sistemare tutta la famiglia in un comodo appartamento di oltre 100 metri quadri.
Qualunque sia il luogo prescelto per metter su casa, la scelta del mutuo è fondamentale per cercare di risparmiare qualcosa: con l’aiuto di SuperMoney, il portale per il confronto dei mutui on line, è possibile verificare quali sono i mutui più convenienti tra quelli offerti da 40 banche. Proviamo per esempio a richiedere un finanziamento di 100 mila euro, da investire in un’abitazione di 150 mila (che sia un monolocale affacciato sui canali veneziani, o una super casa nel capoluogo siciliano), restituibile in vent’anni. L’opzione più vantaggiosa è mutuo arancio di ING Direct: scegliendo il tasso variabile il taeg è del 2,69% e la rata mensile iniziale di 536 euro; chi preferisce il tasso fisso avrà un taeg del 5,10% e pagherà ogni mese 658 euro.